lunedì 7 novembre 2016

Wow, WOOW!

[editoria] Ritorniamo al nostro appuntamento con le iniziative editoriali di Redazione a Colori, parlando della rivista WOOW, nata nel 2008 in formato praticamente tascabile A6. Il titolo palindromo WOOW che graficamente simboleggia un paio di occhi incorniciati da delle dita in segno di vittoria (wOOwè stato ispirato da cosplayers in posa per le foto e ben si presta a rappresentare un mondo dinamico e giovanile quale target della rivista stessa la quale aveva come principale mission la divulgazione delleopere del fumettista italiano Alessandro Colombo, in arte Kaiser, che si è fatto conoscere con opere come “L’ombra della Papessa”, “Re Olocausto, “Nonna Tota”, “Victims” ma anche sperimentando il genere robotico italiano con “Godravan”, “Gavarax 1”, “Zeus Goltrum” e “Darvatros Delta 7” che suonano molto creazioni del diabolico Doctor Hell. Nella rivista trovavano comunque spazio anche altri elementi della stessa area tematica: cartoni animati prodotti dagli anni ’70 al ‘2000, fan art, collezionismo e quant’altro è legato al merchandising che ruota intorno agli anime. Particolarmente carina la rubrica sui giocattoli inediti in Italia. Naturalmente non potevano mancare i contributi degli artisti e interpreti delle sigle tra i quali Paola Orlandi, Douglas Meakin, I Cavalieri del Re, il Coro dei Nostri Figli di Nora Orlandi, I Piccoli Cantori di Niny Comolli, Le Mele Verdi, Nico Fidenco, Oliver Onions, sempre prodighi di aneddoti e punti di vista curiosi. Chiusa nel 2009 quando ormai Kaiser ha raggiunto una certa notorietà, la rivista rinacque con una nuova veste grafica nel 2014 spostando il focus prettamente sui cartoni animati e i palinsesti delle varie emittenti, dalla Rai a Cartoonito. td>
Posta un commento