martedì 15 luglio 2008

Un gelato al gusto d'infanzia

Con la cappa di afa che opprime all'incirca tutto lo Stivale, questa volta, qui a La fortezza delle scienze vogliamo offrirvi un gelato, un gelato al gusto di infanzia, la nostra, che si colloca grosso modo negli esagerati, paninari e madonnari anni '80.

Ricordo come fosse ieri che il carretto passava e quell'uomo gridava: - Gelati! (come, del resto, anche che al 21 del mese i nostri soldi erano già finiti...). Nel mio paese lo chiamavano Li-duù, il venditore di granite della controra con il carrettino ornato di invitanti limoni rigorosamente verniciati a mano ma - ne son convinta- in ogni paese ce n'era uno. Magari si chiamava sor ciccio, mastro gesualdo, o er limonaro ma in sostanza era sempre un Gratta-mariano. Allo stesso modo ricordo l'assortimento di gelati illustrato sui manifesti di latta affissi nei pressi dei chioschetti. Sormontati da marchi ormai quasi introvabili se non proprio scomparsi: Eldorado, Alemagna, Gis Gelati, Alaska, Sanson, Royal, tanto per citarne alcuni.

Basta ricordare le immagini per evocare il sapore alla fragola del mitico piedone, la croccantezza del cono-palla (zaccaria), il multigusto del ghiacciolo arcobaleno, la dolcezza del camillino, il cuore cremoso dei ghiaccioli gelosuccosi (il loro testimonial d'eccezione era Cocco Bill), la frizzantezza del Calippo al gusto di cola, del Calippo-Fizz, del twister e dello spinn. Tutti gelati firmati Eldorado, mito cementificato anche dagli spot su Topolino e divisione dell'Algida dedicata alla clientela più giovane. Oggi brand scomparso dal mercato: alcuni dei suoi gelati, come il Cucciolone, il Calippo, il lemonissimo e il fior di fragola (che facevano parte del gruppo dei gelosuccosi insieme al dalek e al magic cola e costavano solo 150 lire!) continuano ad esser commercializzati ma sotto il vessillo unificato del cuore di panna.
Alcuni di essi ebbero un tale successo da vantare delle imitazioni.
Ricordo ancora il gelato della pantera rosa e il bananao a forma e gusto di banana con quella copertura al cioccolato bianco che difficilmente trovavo integra.
C'era anche la Sanson con il golosissimo Sansonella, le coppette della Royal, il break e il maxicono della Motta, i gelati, ancora Eldorado, di Pippo e Topolino e, a proposito di Pippo, la coppa Sport Goofy.

Trovandoci in quella che è stata la base del Mazinga Z prima e de Il Grande Mazinga poi, non possiamo certamente omettere la citazione del favoloso gelato di Mazinga "fuori imbiscottato, dentro è fantastico gelato!".




E restando in tema di cartoni che hanno ispirato gli industriali gelatai di - già - 20 anni fa, dopo il gelato al gusto puffo, ricordiamo il gelato a forma di puffo, firmati sammontana.


Con l'augurio che questo excursus gelo-gastronomico vi abbia portato un po' di - almeno immaginario - refrigerio:-)


LinKS: Pulsar Blog, nijirain.com
Posta un commento