giovedì 20 dicembre 2007

Addio Lupin!

Mi ha colpito molto la notizia, per la verità ormai di diverse settimane, che riporto di seguito (tratta dal sito http://antoniogenna.wordpress.com/). La TV è fatta di uomini noti che prestano il loro volto ma anche di uomini meno noti, il cui volto è a noi sconosciuto; ma non per questo questi ultimi sono incapaci di suscitare emozioni destinate a fissarsi nella nostra memoria. E’ il caso dei doppiatori, voci senza un volto, che attraversano i nostri canali percettivi e si fissano al punto di identificare un personaggio con quella voce. Se c’è un avvicendamento nel doppiaggio e a quel personaggio cambiano la voce, il personaggio ci appare snaturato. Questo è doppiamente vero quando la voce in questione è così singolare, così caratteristica come quella di Lupin III. Molti hanno titolato “Addio alla voce di Lupin III”; io titolo “Addio Lupin III”, perché senza la voce del suo storico doppiatore, Lupin non sarà più lo stesso.


E’ scomparso nella serata di ieri [25 novembre] a Roma all’età di 68 anni e dopo una lunga malattia il doppiatore e direttore del doppiaggio Roberto Del Giudice, nato a Milano il 25 settembre 1940 e noto al pubblico dell’animazione italiana per essere la storica voce di Lupin III, storico personaggio creato da Monkey Punch, in tutte le serie e i film d’animazione dedicati al personaggio (fino alla recente riedizione della scorsa estate de “Il castello di Cagliostro”).Negli ultimi anni Del Giudice operava principalmente come direttore del doppiaggio (le serie Supernatural e Close to Home - Giustizia ad ogni costo sono i suoi ultimi lavori), ruolo che già rivestiva da molti anni e che gli ha permesso di annoverare nel suo curriculum le direzioni di film come “Nikita”, “Allucinazione perversa”, “Il padre della sposa”, “Nemico pubblico”, “Fuori in 60 secondi” e di telefilm come La signora in giallo, Genitori in blue jeans, Walker, Texas Ranger, Beverly Hills, 90210, Xena Principessa guerriera e le prime tre stagioni di Dr. House - Medical Division.Tra i suoi doppiaggi cinematografici, Steve Park in “Fargo” e Gailard Sartain in “Pomodori verdi fritti alla fermata del treno”, ma anche diversi personaggi animati come Zazu nei film della serie Disney “Il Re Leone”, Benny il taxi in “Chi ha incastrato Roger Rabbit?” e Miss Piggy nei film dei Muppets; tra i suoi ben più numerosi doppiaggi televisivi, quelli degli attori Lee Majors nelle serie L’uomo da sei milioni di dollari, La donna bionica e La grande vallata, Michael Horton in La signora in giallo (nel ruolo di Grady Fletcher, nipote della protagonista), Lee Curreri in Saranno famosi (Bruno Martelli) e Michael Landon nella western Bonanza. Infine, tra i tanti cartoni animati doppiati ricordo i personaggi Roberto Sedinho nelle prime serie di “Holly e Benji, due fuoriclasse”, Lupo de Lupis nell’omonima serie Hanna & Barbera, e più recentemente la Morte in alcuni episodi de I Griffin.
Posta un commento