sabato 18 luglio 2009

L'after Jacko

A distanza di 3 settimane dalla morte di Jacko, non si spegne l'attenzione mediatica su di lui a conferma, se qualcuno ne avesse dei dubbi, che ad andarsene è stato uno dei più grandi e rappresentativi personaggi degli ultimi decenni. E anche noi non possiamo fare a meno di ritornare sull'argomento. L'indiscusso re del pop e , a sua volta, il pop, l'indiscusso re della musica moderna. Per la proprietà transitiva potrei azzardare che Jacko si possa considerare il re della musica moderna.
Sulle pagine dei giornali e sulle schermate della stampa on-line continuano a susseguirsi indiscrezioni sulla morte, sulla vita privata: ora nessuno più crede che sia stato un pedofilo, le ipotesi che vanno per la maggiore riguardano la sua presunta omosessualità e sono colorite con tutti i cliché- si vestiva da donna! - che ancora fanno presa sulla morbosità di qualcuno. Poi spunterà l'ipotesi dello sciupafemmine con un numero di amanti disseminate per il globo da far invida al nostrano Califfo.
Per lo meno la gente comune ha conservato ancora il buon senso ed è proprio dalla gente comune, che esprime commentando i video su youtube o scrivendo pensieri su facebook, che vengono le uniche parole che in circostanze come queste non stonano mai: RIP - Rest in Peace, Michael Jackson.
Un augurio a cui personalmente mi unisco per il semplice rispetto che si deve alla vita e alla morte e per la mera gratitudine verso un artista che ha saputo regalarmi bellissime colonne sonore che hanno accompagnato varie fasi della mia vita. Che tu possa, dove ti trovi, ricordare il calore del tuo pubblico adorante, quel calore che spero ti abbia consolato in vita, che abbia lenito i tormenti del successo che porta sempre con sè due rovesci della medaglia..
Non dimenticherò mai Billie Jean, inciso su quel 45 giri che era il pezzo forte dei compleanni che festeggiavamo in famiglia, nè il toccante impegno di USA for Africa concretizzatosi con We Are The World con il fascino di tutti i big riuniti per l'occasione (tra i tanti, Lionel Ritchie, Tina Turner, Cindy Lauper, Stevie Wonder, Bob Geldof, Bruce Springsteen, Diana Ross, Bob Dylan, Ray Charles, Paul Simon). Non dimenticherò i brividi del video di Thriller e le risate del video di Fat, la parodia firmata Weird Al Yankovic di Bad. Non dimenticherò Beat it, Black or White, Dirty Diana, The Way You Make Me Feel e Smooth Criminal. Soprattutto non dimenticherò le incredibili movenze di Jacko e il geniale moonwalk, se geniale si può definire un'espressione del corpo e non della mente ma altra definizione non ho.
Proprio del moonwalk è scoppiata la mania e gente di tutto il mondo si è cimentata, con risultati sempre simpatici anche se più o meno (o molto meno che meno) riusciti, del celebre passo di danza: su Eternal Moonwalk i video ricevuti sono stati montati in successione. Quale migliore tributo per Jacko?


MOONWALK

Billie Jean @ Motown

-

5 commenti:

Pino Amoruso ha detto...

D'accordo con te su tutto. Era logico che i media si scatenavano. Personalmente lo ricorderò per i capolavori che ci ha regalato e basta.
A presto
:)

george_p ha detto...

Come Persona l'ho sempre giudicato estremamente controverso e..."alieno", come Artista, di Grandissimo Livello anche se prediligo prevalentemente gli album precedenti agli anni 90, in ogni caso credo che, specie nei video, sia stato un Grande "Rivoluzionario" e Pioniere.

Buffo, c'è sempre da imparare soprattutto quando una persona la si conosce indirettamente, e nella fattispecie solo attraverso i "filtri" dei media che creano la realtà che vogliono loro (nel bene o nel male) a dispetto di ciò che il soggetto interessato è o non è, discorso che alla fine vale per Tutti nessuno escluso.
E a distanza di anni anche personalmente parlando sto rivalutando grandissima parte di ciò che ho potuto "osservare" nella mia vita...si c'è sempre da imparare a partire da noi stessi.

Trovo molto belle le parole scritte da Arabafenice nel commento al precedente articolo su M. Jackson, parole che condivido appieno, e ho sempre creduto io stesso, sull'immagine che è uscita fuori (presunta o meno) dell'uomo-artista.


Un saluto a tutto lo staff col quale colgo l'occasione per Complimentarmi ancora una volta per la vostra presenza sul web.

Grazie

DNAcinema ha detto...

ciao! ha aperto i battenti il nuovo portale di cinema direttamente dagli studios di Cinecittà. News, recensioni, anteprime, foto, video e tanto altro ancora; e se vuoi collaborare con noi scrivendo recensioni scrivici @ dnacinema@yahoo.it http://dnacinema.blogspot.com/ P.S. Complimenti per il blog, ottimo lavoro! (saresti daccordo per un'affiliazione? ci terrei particolarmente...) A presto!

Giangidoe ha detto...

Decisamente un post più affettuoso il tuo, cara socia.
E in fondo meglio cosi: le nostre due opinioni, proprio per il loro diverso taglio, rappresentano abbastanza bene anche l'eterogeneità dell'opinione pubblica sulla controversa mitologia di JackO.
Anche se in entrambi i casi c'è un rispetto di fondo del suo genio che credo sarebbe impossibile da negare perfino per il più accanito detrattore.

ArabaFenice ha detto...

@ Pino,
è sempre un piacere ritrovarti:-)

@george_p
ben ritrovato! sono assolutamente d'accordo con quanto sostieni.

@giangidoe
sono d'accordo con te; peraltro, alcuni aspetti della vita di Jackson - a partire dalla serie di operazioni - sono di certo criticabili, solo che prevale l'umana comprensione per chi si è rovinato da solo.